STRATEGIE ANTI-FRODE PER UN BLACK FRIDAY A PROVA DI TRUFFA

Black Friday Super Sale, Black Friday Banner, poster, logo, violet violet blue background

I consigli di MyBank per acquisti online in sicurezza nel Mese Europeo della Sicurezza Informatica

Ci stiamo rapidamente avvicinando al picco di acquisti online che caratterizza gli ultimi due mesi dell’anno: il Black Friday e il Cyber Monday 2022 cadranno infatti rispettivamente il prossimo 25 e 28 novembre.

La settimana dello shopping per eccellenza è attesa da molti consumatori in cerca di ottimi affari, ma rappresenta un periodo in cui anche i criminali informatici sono particolarmente attivi, non perdono occasione per tendere trappole sempre più sofisticate e tendono inoltre a giocare sempre più d’anticipo: l’anno scorso il numero totale di tentativi di phishing finanziario che hanno preso di mira i sistemi di pagamento elettronico è più che raddoppiato da settembre (627.560) a ottobre (1.935.905) con un aumento percentuale del 208%. E dal 27 ottobre al 19 novembre, nel periodo che precede immediatamente la stagione dei saldi, sono state registrate 221.745 e-mail di spam contenenti le parole “Black Friday”. [1]

Tali dati globali riflettono quanto avviene anche in Italia, dove nel 2021 la Polizia Postale ha osservato un’impennata dei casi di phishing tra ottobre e novembre: ben 2227 le segnalazioni relative soltanto a questo fenomeno. [2]

Da qui la necessità di non abbassare la guardia e tenersi informati su quanto è possibile fare per prevenire efficacemente spiacevoli sorprese. Fortunatamente, ottobre è il Mese Europeo della Sicurezza Informatica e il web si arricchisce di risorse, materiale, progetti e iniziative educative, volte proprio a sensibilizzare gli utenti sui rischi che si corrono online e sugli strumenti a disposizione per difendersi.

Rivediamo qui alcuni consigli utili per riconoscere più facilmente tentativi di phishing che arrivano via e-mail, al telefono o tramite sms e per affrontare con maggiore serenità gli acquisti online:

  • Diffidiamo di chi ci contatta via email, sms oppure ci telefona richiedendoci informazioni personali, creando un senso di urgenza o pericolo, ad esempio: “Gentile cliente, ci risulta un’anomalia sul suo conto”. O ancora: “Il tuo pacco è stato trattenuto presso il nostro centro di spedizione”. Simili SMS potrebbero arrivare sullo smartphone di molti utenti anche in queste settimane. Si tratta di trappole che puntano a rubare dati e credenziali bancarie.

La migliore difesa? Non reagire, non rispondere e soprattutto non cliccare su nessun link.

Occorre tenere sempre presente che le banche, così come MyBank, non invieranno mai una richiesta per aggiornare le informazioni del conto o confermare PIN o altre credenziali tramite questi canali. Inoltre, nessun corriere invierà un messaggio da un numero anonimo, privo di riferimenti al numero di spedizione e alla provenienza dell’ordine.

Mantenere un atteggiamento cauto, verificare con attenzione l’indirizzo o il numero del mittente nonché i contenuti di e-mail e sms, non condividere alcun dato personale al telefono anche quando chi chiama ci sembra un operatore affidabile e rassicurante e ancora, riattaccare nel caso di strane telefonate provenienti da sistemi automatizzati: sono tra i consigli fondamentali che tutti dovremmo seguire.

  • Se acquistiamo su un sito per la prima volta, cerchiamo di verificarne l’affidibilità:

— Dare la precedenza a siti web certificati o ufficiali: se non si tratta dell’ecommerce di noti brand, controllare che il sito abbia dei certificati di sicurezza. Per esempio, è bene verificare che un sito sia protetto da HTTPS, dando uno sguardo alla barra degli indirizzi del browser: qui, subito a sinistra dell’indirizzo della pagina, dovrebbe essere raffigurato un lucchetto serrato oppure un simbolo a forma di scudo. Inoltre, la parte iniziale del sito web, se visibile, dovrebbe corrispondere alla dicitura https://.                    — Verificare l’esistenza di un negozio fisico, ad esempio il numero di partita iva o l’indirizzo. Possiamo verificare se la partita Iva è registrata in Camera di Commercio. Se il sito non avesse queste informazioni, potrebbe non essere affidabile;

  • Verificare su un motore di ricerca se ci sono segnalazioni di truffe che riguardano il sito in questione;
  • Cercare e leggere commenti e recensioni degli utenti, anche nei forum o sui social;
  • Controllare le modalità di pagamento, di consegna e il termine di consegna del prodotto che non deve superare 30 giorni.
  • Non utilizzare mai reti WiFi pubbliche per accedere ad account personali o effettuare pagamenti.
  • Tenere a mente che le offerte troppo incredibili possono nascondere situazioni di frode.
  • Quando si effettuano acquisti online, prestare grande attenzione alla sicurezza dei metodi di pagamento.

Scegliere modalità tracciabili che offrano transazioni sicure e la massima protezione dei dati personali è cruciale.

Con MyBank, la transazione avviene tramite il servizio di online banking della propria banca, che applica il sistema di autenticazione forte, garantendo i più alti livelli di sicurezza. Inoltre, i dati dell’utente non vengono mai condivisi con terze parti, mantenendo protette le informazioni sensibili e l’identità digitale.

Ultimo suggerimento, ma non per ordine d’importanza, è quello di tenersi informati sulle principali cyber-minacce in circolazione. Per esempio, è una buona idea consultare regolarmente il sito della Polizia Postale e delle Comunicazioni. In particolare, nella sezione “Alert”, sono presenti le principali truffe e crimini informatici in corso, con preziosi consigli per evitarli.

 

 

 

[1] https://www.kaspersky.com/about/press-releases/2021_online-payment-fraud-increases-by-208-amid-the-black-friday-season

[2]https://www.repubblica.it/tecnologia/2021/11/26/news/la_truffa_sms_del_pacco_bloccato_cosi_i_criminali_approfittano_di_black_friday_e_cyber_monday_per_rubare_i_nostri_dati-327979446/

28 Oct 2022

Contattaci per ulteriori informazioni

MYBANK PAGAMENTI SICURI, IDENTITÀ PROTETTA

MyBank privati

MyBank privati